CFIADVISOR---LOGO
bianco

MENU

MENU

CONTATTI

CONTATTI

FOCUS

nastuh-abootalebi-yWwob8kwOCk-unsplash

CFI Advisors è una società di consulenza aziendale specializzata in corporate finance con sede a Pescara. Grazie a partnership consolidate con professionisti di altre regioni d'Italia, saremo in grado di assistere la tua azienda anche a chilometri di distanza.

CFI Advisors è una società di consulenza aziendale specializzata in corporate finance con sede a Pescara. Grazie a partnership consolidate con professionisti di altre regioni d'Italia, saremo in grado di assistere la tua azienda anche a chilometri di distanza.

Indirizzo: Via Orazio, 152 - 65128 Pescara
Partita I.V.A.: 01818630681
Telefono: (+39) 085 9562269
pec: cfiadvisors@pec.it
email: segreteria@cfiadvisors.it

Indirizzo: Via Orazio, 152 - 65128 Pescara
Partita I.V.A.: 01818630681
Telefono: (+39) 085 9562269
pec: cfiadvisors@pec.it
email: segreteria@cfiadvisors.it

C F I  A D V I S O R S

N E W S 


linkedin

linkedin

www.cfiadvisors.it - All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience 

www.cfiadvisors.it - All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience 

Che tipo di finanziamento scegliere?

2021-01-03 20:54

Massimiliano Palumbaro

Gestione dei rischi finanziari, Rischio liquidità, mutuo, finanziamenti, pmi, impresa, finanziamento, leasing, covenant, qualità, factoring, investimenti,

Che tipo di finanziamento scegliere?

Le caratteristiche qualitative dei finanziamenti possono determinare la scelta della migliore soluzione per l'impresa

Spesso l’imprenditore è alle prese con questa decisione prima di sottoscrivere un nuovo debito bancario destinato a finanziare l’acquisto di un bene d’investimento (che sia esso un immobile o un macchinario).

 

E’ evidente che ci troviamo di fronte ad una scelta inerente la qualità del debito da sottoscrivere, ed ancora una volta la risposta non è affatto scontata: dipende dalla qualità dell'attivo da finanziare!

In generale è bene fare una premessa:

  • gli attivi a breve (come ad esempio scorte, o una commessa ben definita), si finanziano con strumenti di breve termine (anticipi su contratto, portafoglio sbf, factoring, finanziamenti entro i 18 mesi);
  • gli attivi a medio lungo termine (immobilizzazioni), si finanziano con strumenti di durata (mutui, leasing, altri strumenti a medio/lungo termine);

ciò è dovuto al fatto che gli investimenti in immobilizzazioni, come ad esempio un macchinario, darà all’azienda un ritorno in termini di cash-flow nel corso del tempo, pertanto è necessario che lo strumento di finanziamento abbia tempi di pagamento dilazionati negli anni.

 

Molto spesso si assiste a situazioni in cui l’azienda finanzia l’acquisto di un macchinario facendo ricorso alla liquidità rinveniente dall’anticipo fatture o, cosa ancor più grave, dall’utilizzo di scoperti di conto corrente, che invece dovrebbero essere utilizzati solo in casi del tutto eccezionali.

 

In questo contesto è alto il rischio che l’azienda venga a trovarsi a corto di liquidità necessaria per finanziare le spese di gestione e/o gli attivi correnti come le scorte o dilazioni di pagamento da accordare ai propri clienti. In seguito, l’azienda tenta di correre ai ripari, attraverso la richiesta di finanziamenti di media durata, solo dopo aver effettuato l’investimento. Nella migliore delle ipotesi si riesce ad ottenere un finanziamento che copre parte dell’investimento già sostenuto, ma cosa accadrebbe se l’azienda presentasse uno sconfino in centrale rischi causata dalla mancanza di liquidità? E’ facile ipotizzare che non riuscirà ad ottenere il mutuo, andando quindi ad aggravare una situazione già di per se critica scaturita da una scelta  a monte errata.

Scelta tra mutuo o leasing

Compreso a questo punto il primo elemento della qualità del debito, vediamone altri non meno importanti come ad esempio la scelta tra mutuo e leasing. Ancora una volta, la risposta sta nella qualità dell’investimento da eseguire.

 

Spesso ci si pone questa domanda nel momento in cui è necessario finanziare l’acquisto di un immobile ad uso produttivo. Il leasing consente di avere un vantaggio fiscale nel momento in cui la rata, o in questo caso il canone, viene portato interamente a conto economico sotto la voce “costi per beni di terzi”, mentre in caso di mutuo si andrebbe a computare la sola quota di ammortamento pari al 3% del costo d’acquisto. Quindi con il leasing il vantaggio fiscale deriva dalla maggiore velocità con cui il costo viene dedotto dal reddito il costo d'acquisto, rispetto all’ammortamento che si avrebbe in caso di finanziamento con mutuo.

 

Tuttavia, se dopo alcuni anni dall’acquisto dovesse essere necessario uscire anticipatamente dal finanziamento, il costo d’uscita dal leasing potrebbe essere più elevato rispetto a quello del mutuo e la plusvalenza che si otterrebbe dalla vendita del bene riscattato dal leasing, sarebbe ben più alta di quella della vendita del bene finanziato da mutuo, con conseguente aggravio fiscale.

Covenants

E’ bene quindi fare un’attenta ed anticipata disamina del bene o delle attività da finanziare attraverso il nuovo debito che si sta per accendere al fine di rendere compatibili, per quanto possibile, le caratteristiche dello strumento di finanziamento con quello dell’attivo finanziato. Sarebbe infatti compatibile il finanziamento di una campagna di sviluppo commerciale con una covenant che determinasse in automatico l’aumento del costo del finanziamento stesso in caso di riduzione della velocità di rotazione dei crediti? Ovviamente no! Proprio in quanto la concessione di maggiori dilazioni di pagamento potrebbe essere una leva strategica per entrare in nuovi mercati.

 

Quindi prima di sottoscrivere un finanziamento verifichiamo per bene se vi sono delle covenants (cioè dei vincoli contrattuali) compatibili o meno con la normale gestione aziendale.

Banca o finanziamento online

Altre volte è invece necessario ottenere il finanziamento in tempi rapidi, si pensi ad esempio ad una buona occasione per acquistare delle scorte a prezzi molto vantaggiosi.

 

In questi casi la richiesta di finanziamento in banca potrebbe comportare un allungamento dei tempi, come nella consuetudine bancaria, rischiando di far saltare l’affare. Potrebbe quindi essere utile ricorrere ai canali fintech velocizzando notevolmente la richiesta e l’ottenimento della liquidità, ma a scapito di un prezzo decisamente più elevato di quello bancario.

 

Tuttavia, se lo sconto che si ottiene dall’acquisto immediato è superiore al costo del finanziamento, si può di certo utilizzare questo canale. Es. sconto 20% + 10% per pagamento immediato entro 10 giorni e costo del finanziamento su piattaforma online 6,5% con erogazione in 7 giorni, oppure aspettare la risposta della banca sull’esito della richiesta. Cosa scegliereste?


COME POSSIAMO ESSERVI UTILI

Se state avete pianificato nuovi investimenti, CFI Advisors può aiutarvi a scegliere la soluzione finanziaria più adeguata alle esigenze della vs. impresa, assistendovi nella negoziazione delle migliori condizioni.

wqr

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le novità di CFI Advisors

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder