CFIADVISOR---LOGO
bianco

MENU

MENU

CONTATTI

CONTATTI

FOCUS

nastuh-abootalebi-yWwob8kwOCk-unsplash

CFI Advisors è una società di consulenza aziendale specializzata in corporate finance con sede a Pescara. Grazie a partnership consolidate con professionisti di altre regioni d'Italia, saremo in grado di assistere la tua azienda anche a chilometri di distanza.

CFI Advisors è una società di consulenza aziendale specializzata in corporate finance con sede a Pescara. Grazie a partnership consolidate con professionisti di altre regioni d'Italia, saremo in grado di assistere la tua azienda anche a chilometri di distanza.

Indirizzo: Via Orazio, 152 - 65128 Pescara
Partita I.V.A.: 01818630681
Telefono: (+39) 085 9562269
pec: cfiadvisors@pec.it
email: segreteria@cfiadvisors.it

Indirizzo: Via Orazio, 152 - 65128 Pescara
Partita I.V.A.: 01818630681
Telefono: (+39) 085 9562269
pec: cfiadvisors@pec.it
email: segreteria@cfiadvisors.it

C F I  A D V I S O R S

N E W S 


linkedin

linkedin

www.cfiadvisors.it - All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience 

www.cfiadvisors.it - All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience 

Quale durata potranno avere i finanziamenti per la mia impresa?

2021-01-02 17:30

Massimiliano Palumbaro

Gestione dei rischi finanziari, Rischio liquidità, mutuo, rinegoziazione, pmi, impresa, durata, finanziamento,

Quale durata potranno avere i finanziamenti per la mia impresa?

Come identificare la durata ottimale del finanziamento prima di effettuare la richiesta in banca

Per rispondere a questa domanda è utile tornare ad un concetto già visto nell’articolo dedicato alla quantità massima di stock di debito sostenibile: la durata, così come l’ammontare del debito, dipende dalla composizione dall’attivo.

 

In particolare la domanda cui rispondere prima di determinare la durata del debito è la seguente: cosa dovrà finanziare la somma che si sta chiedendo alla banca?

 

E’ ovvio che la durata del debito dipenderà dalla risposta data a questa domanda. Se ad esempio la richiesta di finanziamento è indirizzata ad ottenere somme necessarie per il pagamento della tredicesima mensilità ai dipendenti, è evidente che la durata non potrà essere superiore a 12 mesi, posto che, in caso di durata superiore, l’anno successivo l’azienda dovrà nuovamente far fronte alle tredicesime e se chiedesse un nuovo finanziamento, le rate del primo si aggiungerebbero a quelle dell’ultimo.

 

Allo stesso modo in caso di finanziamento necessario all’acquisto di scorte, la durata dovrebbe essere vicina a quella di rotazione media delle stesse, in modo da poter far fronte ad un nuovo finanziamento nel momento in cui si dovrà nuovamente assortire il magazzino.



E’ possibile che vi siano delle eccezioni dipendenti dal particolare processo produttivo dell’azienda. Si pensi ad esempio al processo di invecchiamento del vino nelle botti, o a quello di stagionatura dei formaggi. In questi casi, trattandosi di magazzino di “lunga durata”, è necessario avere un finanziamento la cui durata sia compatibile con quella dell’attivo da finanziare, pertanto se il processo di invecchiamento del vino è pari ad esempio a 36 mesi e poi sono necessari altri 12 mesi per la vendita, è evidente che il finanziamento dovrà avere una durata di almeno 48 mesi, magari 36 di pre-ammortamento, durante il quale si pagano solo interessi e 12 di ammortamento necessari al rimborso del capitale.

 

In riferimento alle operazioni di m/l termine, come ad esempio l’acquisto di un macchinario, è necessario fare una verifica preliminare per capire quale può essere la “vita utile” dello stesso, ed in funzione di questo scegliere la durata più appropriata del relativo finanziamento. Se, ad esempio, l’azienda stima una vita utile del bene per almeno 7 anni, il finanziamento sottostante non deve avere una durata superiore, ma può certamente averne una inferiore, come ad esempio 5. In questo modo terminati i 5 anni, l’azienda ha ancora due anni di cash-low che il macchinario produce, prima di accendere un nuovo finanziamento per l’acquisto di uno nuovo.


Durata del finanziamento in seguito a rinegoziazione secondo il DL Liquidità

Purtroppo la pandemia del 2020 ha comportato un notevole calo di fatturato per molte imprese che, ad oggi hanno sospeso le rate (con la nuova legge di bilancio, la sospensione è prorogata sino al 30.06.2021), allungando di fatto i relativi finanziamenti e molti faranno ricorso ad una rinegoziazione del debito con ulteriore allungamento. Ciò determina uno sfasamento temporale tra durata del finanziamento e vita utile dell’attivo finanziato, rimandando il problema nel tempo, senza risolverlo fino in fondo.

 

Facciamo l’esempio di un bene con vita utile pari a 7 anni acquistato nel 2017 con un finanziamento di durata pari a 5 anni con prima rata nel mese di giugno. Con l’avvento della pandemia, l’azienda sospende le rate dopo averne pagate 33 e supponiamo che goda del massimo tempo di sospensione sino al 30.06.2021, ma prima della ripresa ordinaria dell’ammortamento, rinegozia il mutuo ai sensi del DL Liquidità sostituendolo con un nuovo finanziamento della durata di 72 mesi, con liquidità aggiuntiva per il 25% del debito residuo, ed ammettiamo che la banca conceda anche 12 mesi di pre-ammortamento. Ipotizzando che questa operazione venga sottoscritta a maggio 2021, con prima rata (di pre-ammortamento) a giugno 2021, il mutuo avrà scadenza in maggio 2027.

 

Posto che la vita del bene è pari a 7 anni iniziati a maggio 2017, lo stesso produrrà i propri cash-flow sino alla metà del 2024, mentre il relativo finanziamento avrà scadenza 2027. Chi produrrà i flussi di cassa necessari per ripagare detto mutuo? Probabilmente sarà necessario acquistare un nuovo macchinario, ma per fare questo è facile ipotizzare che sia indispensabile un nuovo finanziamento, le cui rate si sommeranno a quelle del vecchio mutuo per i primi tre anni!

 

Alla luce delle nuove responsabilità degli amministratori previsti dal Codice della Crisi d’Impresa, si suggerisce di fare molta attenzione alle operazioni di rinegoziazione e allungamento del debito, pianificando in maniera accurata gli investimenti che l’azienda necessita nel periodo di ammortamento del debito rinegoziato, al fine di evitare accavallamenti di rate che potrebbero far venire meno la sostenibilità delle stesse.

 

Ricapitolando, in merito alla durata dei finanziamenti possiamo schematizzare secondo questa tabella:

tab120210102-1609610122.png

IN COSA VI POSSIAMO ESSERE UTILI

Se state chiedendo nuovi finanziamenti o ritenete necessario rinegoziare quelli in essere, CFI Advisors vi può aiutare a sviluppare un Business Plan, in tempi rapidi, e con tutte le informazioni necessarie alla vostra banca per valutare le richieste. 

 

Metteremo a vostra disposizione gli strumenti necessari per valutare la durata ottimale del finanziamento, evitando il carico di responsabilità sull'Amministratore.

wqr

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le novità di CFI Advisors

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder